Prelievo del sangue: cosa fare e cosa non fare

Prima di effettuare indagini biochimiche è necessaria un’adeguata preparazione: il giorno prima degli esami sono da evitare sforzi fisici e si rende necessario un digiuno di almeno 8 ore, che salgono a 14 per il dosaggio dei trigliceridi; è consigliabile inoltre astenersi da fumo e caffè.

L’obbligo del digiuno non si applica per alcuni esami (per i quali si può consumare una leggera colazione due ore prima del prelievo): ad esempio non è necessario per gli esami ormonali comuni (TSH, FT3, FT4, Tireogloblulina, Anticorpi anti-tireoglobulina, anticorpi anti-tireoperossidasi, FSH, LH, Prolattina, Estradiolo, Progesterone, Testosterone), per i “marcatori tumorali” comuni (PSA, PSA libero, CEA, Alfa-fetoproteina, CA 19-9, CA 15-3, CA 125), per gli esami infettivologici (epatite A, epatite B, epatite C, HIV, toxo-test, citomegalovirus, rosolia, herpes virus), emocromo, test coagulativi.

É strettamente necessario un digiuno di 14 ore per alcuni esami in particolare: dosaggio della glicemia, insulina, curve con carico orale di glucosio, ACTH, cortisolo, colesterolo, lipasi, amilasi, sideremia.

Si ricorda inoltre che è sempre necessario segnalare prima all’infermiere se si soffre di gravi problemi di coagulazione,  se si è facili allo svenimento in seguito a prelievo ecc.

Una volta effettuato il prelievo il paziente può riprendere le sue normali attività e fare colazione.

La procedura per il prelievo del sangue durerà circa 5/10 minuti.

Telefono prelievo a domicilio

Fattori di alterazione

Alcuni integratori (ferro, creatina, prodotti dimagranti, rimedi erboristici ecc.) possono interferire con i risultati degli esami di laboratorio.

Per quanto riguarda i pazienti che assumono giornalmente farmaci per patologie specifiche (cardiopatie, ipertensione, diabete, disfunzioni tiroidee, cancro), l’assunzione di farmaci secondo la posologia e modalità indicata dal Medico non deve essere sospesa nell’imminenza del prelievo, a meno che il Medico stesso non abbia dato indicazioni di sospensione.

Qualora invece si stiano assumendo farmaci comuni, si prega di dare comunicazione all’infermiere, in modo da informare l’analista di laboratorio.

Si ricorda inoltre che ansia, febbre,  stress eccessivo,  vomito, diarrea possono alterare alcuni risultati ematici; in questi casi si consiglia di eseguire il prelievo solo se urgente, altrimenti è preferibile posticiparlo di 24 ore o quando la sintomatologia sarà cessata.

Vuoi effettuare un prelievo del sangue comodamente a casa tua evitando file e spostamenti? Veniamo noi presso il tuo domicilio. Basso costo e alta professionalità. Scopri di più in questa pagina

Hai qualche dubbio?

Siamo a tua disposizione per rispondere ad ogni dubbio!
Non esitare a contattarci, siamo lieti di rispondere ad ogni tua domanda e ad ogni dubbio sulle prestazioni infermieristiche a domicilio, sulle prenotazioni e su come funziona il servizio. Chiamaci al num.

02 89050936

Lo sapevi che...